Oggi in Collina: Pesto Fresco al profumo di Ricordi Antichi

A settembre, si sa, spiga il basilico e qui in collina nessuna eccezione, nessuna deroga concessa al mio orticello felice. È dunque tempo di raccogliere le foglie più verdi e belle per metterne via una scorta prima che ingialliscano.

Perciò stamani senza ulteriori indugi era il giusto giorno per fare questo lavoretto di cernita e pulizia… e beh, è stato proprio mentre ero accucciata tra le officinali, che osservavo e sceglievo e annusavo… quando a un tratto le ho sentite e le ho viste.

Erano lì vicino a me, nonna e nipote. La nonna faceva e parlava, spiegava e staccava le foglie della grande pianta di basilico, lì in giardino. La nipote era tornata, molto fiera, dalla pineta con un’enorme busta di pinoli… “oh brava, da’ qua oggi pomeriggio lì porto al zi’ Procopio che, poretto, se mette lì e piano piano lì spacca…così domani famo ‘l pesto”…

Ed era un pesto buonissimo: con l’olio della Sarciata, il basilico di casa e i pinoli del Pinaro, spaccati uno per uno dallo zio…

Ciao nonna, ciao vecchio zio, che adesso chissà dove siete a fare il pesto! Io oggi l’ho fatto, il pesto fresco, con tanto amore, pensando a voi: col basilico di casa e l’olio della Sarciata… i pinoli ci sono, anche se ho dovuto usare quelli già sgusciati…

Come si dice, le cose cambiano e i cambiamenti in fin dei conti ci fanno andare avanti e ci consentono di portare a termine la nostra missione, ma tutto ciò che c’è stato di buono per fortuna resta: resta nei ricordi, nei profumi, nei sapori, resta nei colori vividi e caldi del fine estate castellese, nel vento di settembre che ci accompagna fino all’autunno e ci rammenta che è tempo di fare il Pesto !!!

Annunci

…In Collina tutto bene!

Secondo me, secondo me io vedo il mondo solo secondo me

… e chissà com’è invece il mondo visto da te!

Quando in Collina c’era Scheggia…

L’ho fatto. E vabbè, non avrei dovuto, in fondo in fondo neanche mi appartiene, come indole profonda, ma l’ho fatto. ho pubblicato la foto del mio gatto (e io davvero non sopporto le foto dei gatti).

scheggia

Ma Scheggia era la MIA gatta. Perchè fino a 40 anni non avevo mai avuto un PET…un cucciolo, un animale che girasse per casa, un batuffolo di pelo che cresce e diventa uno di famiglia.

Poi è arrivata Scheggia.

E poi, altrettanto all’improvviso, non c’è stata più.

Oggi ho ritrovato questa foto, di poche che me ne restano, e allora ve la mostro, perchè dopo un anno, ancora mi manca.

Dalla Collina

image
Quello che vedo dalla finestra Immagino sia tutto nella mia mente,
Oltre le tende.
Non vedo i cori tenui
E le nuvole hanno abbassato il cielo che lo puoi toccare.
Mi muovo di continuo
In questo spazio basso e mi dimentico di respirare,
Ma non è importante quando lo puoi solo immaginare.

BUONA DOMENICA A TUTTI GLI AMICI!!!!

Chiudi gli occhi in questa domenica di pioggia e vento, rilassati in casa con le persone che ami ( e di’ loro che le ami, non scordarlo e non darlo mai per troppo tempo per scontato!)…magari se ti è possibile abbassa le luci e ascolta un po’ di buona musica…buona nel senso che trasmetta buonumore e serenità…

La vita è molto molto impegnativa, ma del resto a non impegnarsi alla lunga non ci si guadagna un granchè ( e al contrario si rischia di perdere davvero molto) e perciò gustatela in questi piccoli momenti di felicità

“I promise, my kid, to give you much more than i get…”