Archivi tag: orvieto

In Collina…Opportunità, forza, radici

image…è ormai un anno che abito La Mia Vita in Collina…molte vicende mi attraversano, talmente intense che ne sembrano molti di più, di anni intendo.

Non ho la vostra FORZA, miei numi tutelari, quella di fare sempre ciò che va fatto, non l’avrò mai…io ho un altro spirito, uno spirito che si ribella, che scalcia, urla e pesta i piedi perfino contro se stesso. Perfino contro Dio.  Quel Dio che tanto ci avevo messo per amare e per lasciarmi amare da Lui…

Qui in collina, dove i desideri sembravano realizzarsi, dove i sogni sembravano avvicinarsi alla realtà, ho trovato la mia casa. Era qui che volevo stare, che volevo far tornare le mie RADICI. Ed è qui che mi avrte dato l’OPPORTUNITÀ di vivere.

Ma da qui il panorama è cambiato: kantianamente meraviglioso, come nei quadri di Friedich…ma non c’è più nulla di quello che il mio cuore conosceva, solo la terra, l’argilla, gli olivi. Mi mancate.

…quando una mamma è triste IN COLLINA…

Anche se sono una mamma, in questo caso la mamma triste non sono io. 

Io sono anche figlia…e in questo periodo, qui, nella MIA VITA IN COLLINA, mi ritrovo una mamma triste. O, come dice lei, MOSCIA, come il suo albero di Natale moscio, senza luci.

Il problema è questo: da una mamma non ci si aspetta che sia LEI ad essere triste, cioè, se accade ti trovi disorientata, spiazzata….”Ma come, lei, la mamma, quella che c’è sempre per tutto, per antonomasia….è triste?????”  Che può dire di “veramente efficace” una figlia a una mamma quando è triste???? …ossia, ci si aspetta sempre che quella forte, quella che non crolla sia lei: tua mamma.

Ma la verità è un’altra: io lo so perchè la mia mamma è triste…perchè per la prima volta, dopo tanti anni, in questo Tempo di Natale, lei non può più essere figlia… e questo, pur nel suo grande cuore di mamma, l’ha sconvolta. Ci ho messo un bel po’, ma alla fine ci sono arrivata

E allora, dopo tanto riflettere ho pensato: ” EHI! MA SONO ANCH’IO UNA MAMMA!!!! E ANCHE MICHI!!!!

chiamichi

Allora sei a posto, mamma: è tutto risolto!!!! ho capito il SEGRETO: ti adottiamo noi!!! Sì hai capito bene: lascia che ti facciamo un po’ da mamme…non siamo esperte come te e a volte combiniamo pasticci…siamo un po’ più disordinate e capiterà che ci dovrai mettere “una pezza” tu…ma secondo me vale la pena provare: tocca a noi occuparci un po’ di te…tu prometti solo una cosa anzi, due, già che ci sei: fidati di noi (oh, guarda che ci hai cresciuto tu, non te lo scordare!!!) e… RILASSATI!!!!

Buon Natale, ti voglio bene…

 

 

…on arriving…LA MIA VITA IN COLLINA…

Ci sono i miei Angeli personali che stanno supervisionando il tutto; sono tre: uno ha creato dal nulla la Possibilità di esserci, uno mi dà la Forza fisica e morale di andare avanti e uno mi darà sempre l’Ispirazione perchè rappresenta le mie Radici.
Grazie dal profondo del mio cuore in questo tempo di Natale… il dono più grande che abbiamo mai ricevuto (dopo Lele e Criccri, s’intende!!!)

“…l’inchiostro SA quante frasi nascondono i silenzi…

Mi sono sentita subito CAPITA, qui nella Mia Vita In Collina , fin dal primo ascolto e fin nelle parti più profonde (nelle seCrete più seGrete del mio animo) di me stessa…

E’ il mio amore per la scrittura ( A MANO) e per l’inchiostro …e dire poi che Settembre è proprio un buon mese per scrivere e programmare di scritture…

Chissà… quasi quasi riparto e…” vado a CHINAtown” ( e magari anche il Romanzo della Collina riprende da dove è stato sospeso),  l’unico viaggio solo MIO…quel Sentimental Journey, fin’ora solo sognato, a volte scritto, molto pensato e immaginato durante i trekking su sentieri di montagne antiche e possenti… che un giorno, invece, dopo averlo impresso a inchiostro indelebile sulla pelle, intraprenderò.

“CAMBIA-MENTI” nella Mia Vita In Collina…

Cosa succede? Perchè tutti questi mesi di silenzio? Perchè non scrivi più niente? …ma il BLOG?

qualcuno me lo ha effettivamente chiesto…qualcun altro, beh, mi avrebbe fatto piacere che mi avesse posto questa domanda…In ogni caso il dato di fatto è che, come sempre nella vita, si succedono momenti dalla differente forza emotiva, che non sempre si mettono a fuoco subito…con delle PAROLE intendo (sebbene io ne abbia sempre tante e per tutte le stagioni)!

Qualche giorno fa con le mie super-cugi-sorelle si parlava del concetto di CAMBIAMENTO…che è quella cosa che spesso non ti aspetti, ma che ha inevitabilmente degli effetti non calcolati…e si diceva che di fronte a ciò puoi scegliere se fermarti un passo prima del CAMBIAMENTO (…ma se poi fai sempre così resti IMMOBILE nel tuo “ben noto”, ma di fatto ti fermi); oppure puoi fare il passo che ti porterà dall’altra parte del CAMBIAMENTO…dove ancora non sai cosa e chi c’è di preciso, ma ne accetti il rischio, perchè si tratta sempre e comunque di andare AVANTI. Io, ad esempio, non ho dubbi.

La verità è che La Mia Vita In Collina è stata nuovamente stravolta:

– da eventi di cui non ho (…grrrrrrr!) alcun controllo, e in quanto tali non piacevoli da raccontare!

– da eventi di cui AVREI il controllo, ma un po’ mi è sfuggito 🙂 , e che, perciò, ormai sono andati…

– da eventi che devo NECESSARIAMENTE controllare perchè si tratta della mia futura casa…e quindi ben lieta di raccontarli e ricominciare a condividerli.

Il paesaggio qui sulla Mia Collina cambierà un po’, è vero, ma senz’altro in meglio…siete tutti invitati fin da ora a venirlo a visitare: finalmente non vedo l’ora di poter sperimentare di nuovo il dono magico e speciale dell’ACCOGLIENZA e dell’OSPITALITA’. Vi aspetto.

casa2

casa1

 

…e dopo 20 anni…in collina…si festeggia ancora San valentino????

…accipicchia se si festeggia!!!
Ogni scusa è buona nella mia vita in collina per dichiarare AMORE a quell’ORSO BRUNO (…through time dissociato, si diceva un tempo in gergo tecnico!) di mio marito…che, appunto, ha, notoriamente, il romanticismo di un cubettino di ghiaccio da freezer…ma è lì, roccia solida, su cui abbiamo costruito tutto quello che siamo oggi e esperta guida alpina nel nostro trekking lungo i meravigliosi sentieri delle nostre vite.
…che altro?
Ah sì! Un paio di figli…a cui augurare di vivere un grande amore così come quello dei loro genitori…!

 

La mia letterina a Babbo Natale…

Caro Babbo Natale,

ti scrivo nel giorno (palindromo quest’anno) di S.Lucia, la santa della LUCE, dell’ILLUMINAZIONE…come si dice da noi: je facesse…!

Ora, se qualcuno si aspetta grandi desideri sulla pace nel mondo, la fine della crisi e la gioia e l’amore in tutti i cuori…beh, ANCHE NO! Qui, nella MIA VITA IN COLLINA io, oggi rivendico il mio basso, bieco eppur sacrosanto diritto di ex-bambina di “chiedere i miei regali di Natale“.

  E dunque, procedo.

Sarò anche grande (cresciutella, via, non esageriamo con le minuzie anagrafiche), ma ancora quando arriva questo periodo dell’anno mi piace tanto sognare, fantasticare, immaginare quali e quanti doni mi farai trovare sotto l’albero, se finalmente quest’anno hai indovinato cosa mi piaceva…se io sarò riuscita fare felici i miei cari…

Ma poesia natalizia e apologia del regalo a parte.

Ora, Babbo Nata’, io capisco che FARE UN REGALO è un vero e proprio mestiere (e tu, è vero, ne sai qualcosa…?!) …e di questi tempi è anche impegnativo e non scontato…ma appunto, visto l’equivoco e la conseguente (MIA) delusione degli ultimi anni (“sotto l’albero solo un pensierino…perchè con la crisi…!”), ho deciso di scriverti, così non ci sono nè dubbi sui miei desideri…anzi SUL MIO UNICO DESIDERIO, nè sprechi di tempo e/soldi per l’eventuale “pensierino sotto l’albero” 

Nella mia vita si sono ridotti un sacco di “extra”, che possiamo riassumere come “tutto ciò che è nutrimento della mente“: si va pochissimo al cinema, per niente al teatro, niente concerti dal vivo…e ultimamente è un po’ impegnativo (per la MOLE di libri che IO NORMALMENTE LEGGO) anche comprare libri di CARTA (il formato digitale è un po’ più economico dei libri economici, ho cominciato a riscoprire anche il prestito di amici o biblioteche…ma almeno a Natale…!)…

QUINDI! Ti ringrazio per i passati guanti, sciarpe, cappelli, pigiami, pantofole, antiscivolo, portafoto, portachiavi, portacellucalre…ma quest’anno, ‘sto cacchio di “pensierino-sotto-l’albero“, se proprio ci potrà essere: CHE SIA UN LIBROOOOOOOOOOO!!!!!!!! (…volendo posso allegare anche relativa lista dei 9 o 10 libri che vorrei leggere…oppure rivolgersi a Francesco…!)  

Grazie, Babbo Natale, so che ce la metterai tutta!!!!!